Come portare la tua azienda su Instagram

Instagram per aziende


Tutti amano Instagram perché permette di trasformare ogni foto, anche la più triste, in un piccolo capolavoro vintage. E di condividerla con i propri amici attraverso la community interna e gli altri social.

Su Instagram è un continui rincorrersi di foto scattate in vacanza o al lavoro, di gambe che prendono il sole e di piatti appena serviti. Ovviamente ci sono i gattini di ogni tipo. Ma non solo.

Anche le aziende si inseriscono in questo circuito e cercano di sfruttare la forza social di questa piattaforma acquistata da Facebook per la modica cifra di 1 miliardo di dollari.

I risultati registrati dalle aziende? Non sempre sono soddisfacenti perché Instagram non è la soluzione per tutti i mali: non basta esserci per conquistare il cuore dei clienti.

Instragram è un social. Quindi deve essere usato con criterio, deve essere usato decodificando il suo linguaggio e rispettando le regole, i principi, i consigli.

Ecco… Quali sono i suggerimenti indispensabili per portare la tua azienda su Instagram?

Lavora sul profilo

Da dove iniziamo? Ovviamente dal profilo. Deve essere perfetto, e per raggiungere questo obiettivo non devi fare altro che seguire le indicazioni di questa infografica pubblicata da Marketingthink:

Perfect-Instagram-Profile1

Tra i consigli che trovi in questa infografica ce ne sono anche un paio dedicati alle singole foto: è consigliabile, ad esempio, inserire una caption, una descrizione per ogni foto che contenga anche delle call to action per stimolare l’interazione.

Un altro elemento importante è il geotagging: ti permette di posizionare le immagini (e quindi il tuo business) sulla mappa.

Racconta una storia

Il primo errore di un’azienda su Instagram: usarlo come un archivio fotografico dei prodotti o dei servizi. Instagram non è questo, ma un luogo dove si condividono emozioni e si raccontano storie.

Le foto devono descrivere, certo, ma soprattutto devono coinvolgere le persone che hanno deciso di seguire i tuoi aggiornamenti. Per ottenere questo risultato prova a scattare foto alla vita quotidiana in azienda.

Coinvolgi le persone, i dipendenti e i clienti, concentrati sui momenti più importanti, sull’entusiasmo e l’impegno. Anche sul divertimento: essere un’azienda su Instagram non vuol dire presentarsi sempre in giacca e cravatta.

Concentrati, in poche parole, sulla positività che si respira ogni giorno nella tua azienda.

Parla con gli utenti

In primo luogo devi dimostrare al pubblico che hai un account. Usa i bottoni ufficiali e i widget sul sito per segnalare la tua presenza, e pubblicizzare l’indirizzo del tuo profilo anche su altri social. Ecco la pagina dei badge e un widget che puoi usare sul tuo blog.

Poi devi parlare con gli utenti. Questo significa che la discussione è aperta: rispondi ai commenti, stimola l’interazione, non lasciare risposte monosillabiche ma apri la conversazione con chi visita il tuo account. Senza esagerare, ovvio.

Per richiamare l’attenzione delle persone comprese nella foto puoi taggarne il viso, proprio come su Facebook. E nei commenti puoi usare la mention (@nomeutente).

Ricorda che il tuo account serve per parlare con le persone, non solo per mostrare foto.

Aumenta i follower

Certo, anche Instagram è soggetto alle dure leggi del following e del follower. C’è qualcuno che devi seguire e ci sono altre persone che decideranno di seguire te. Io conosco un paio di tecniche fondamentali per aumentare i follower su Instagram:

  • Embeddare foto e video in un post o in una pagina web
  • Condividere il proprio account su altri social
  • Usare gli hashtag (senza esagerare)
  • Partecipare alla vita sociale commentando altre immagini

Gli hashtag sono delle keyword contraddistinte dal simbolo # che ti permettono di trovare tutti i post dedicati a un argomento (la parola con il cancelletto).

Dare a una foto il giusto hashtag vuol dire farla comparire nel posto giusto al momento giusto. Viceversa, esagerare con i cancelletti vuol dire (molto probabilmente) essere fuori tema.

Condividi su altri social

Può sembrare un consiglio scontato, ma è giusto ricordare che Instagram può condividere automaticamente le foto su altri social come Facebook, Twitter, Tumbrl, Flickr e Foursquare. Se vuoi aumentare la diffusione delle tue immagini sul social web questa è la strada giusta.

Immagini e video

Instagram non è solo immagini con filtri vintage. Instagram è anche video da arricchire con effetti degni dei fratelli Lumière.

Hai solo 15 secondi a disposizione da montare come meglio credi: poi scegli l’effetto e pubblichi.

Molte aziende hanno sfruttato questa nuova funzione per farsi pubblicità: ecco qualche esempio.

instagram-per-aziende

Poi ci sono i filtri per le immagini. Bastano quelli?

Se vuoi dare un po’ di brio alle foto puoi usare due app particolarmente efficienti: Studio e Moldiv.

moldiv-app

La prima ti permette di applicare cornici, scritte, banner e linee, mentre la seconda crea dei collage. Entrambe lavorano sulla propria piattaforma e poi aprono l’immagine su Instagram.

Racconta la tua storia ora!

Questa è una piccola carrellata di consigli per iniziare a usare Instagram a livello aziendale. Ricorda che anche questo è un impegno importante, e che fare branding con le imamgini (seppur anticate) non è uno scherzo.

Lanciati se vuoi in questa nuova avventura ma non esitare a chiedere aiuto a chi ne sa più di te: in questo modo puoi evitare errori.

Articoli correlati

– Pinterest case history: 4 strategie vincenti

– Usare twitter come un vero professionista

– 4 modi per aumentare e coinvolgere i fan su facebook