Come usare le immagini per aumentare l’engagement di Facebook

facebook-engagement

Ci sono poche certezze in questo strano mondo del social media marketing. Una di queste è la capacità delle immagini di creare un buon engagement sulla tua Facebook Fan Page.

Detto in altre parole, le immagini e le foto su Facebook coinvolgono, attirano l’attenzione dei lettori e spingono l’utente a cliccare sul tasto “Mi Piace”. Ma anche a commentare e a condividere il post.

infografica l'impatto delle foto sull'engagement di Facebook

I dati di questa infografica firmata Wishpond sono davvero interessanti: si parla di un più 53% di like rispetto a un post di solo testo, e più 104% di commenti. Il risultato? Più 84% di click se nel post c’è una foto oltre al link.

Non male, vero? Ma non basta inserire una foto su Facebook per ottenere buoni risultati. Minimizzare l’attività quotidiana sui social (dai, stiamo parlando di Facebook… che sarà mai) è il primo passo per distruggere ogni strategia di SMM. E per rinunciare a tutti i benefici.

Testo e url

Anche le foto hanno bisogno di testo, di una didascalia che la introduca. E magari di un link per approfondire l’argomento e guidare l’utente verso una risorsa utile. Ecco i consigli di Social Media Examiner:

  • Meglio usare un testo breve, semplice, non impegnativo. Le persone hanno sempre meno tempo a disposizione, e ormai sono abituate alla comunicazione minimalista di Twitter. Lascia parlare le foto.

  • Cerca di evitare short url tipo bit.ly e Tinyurl: le persone vogliono sapere dove arriveranno cliccando sul link, e con gli short url questo è impossibile. Se vuoi fare un lavoro preciso, però, puoi usare uno URL shortner con il nome del tuo brand.

Ricorda che le foto servono anche a comunicare la presenza di persone reali dietro il tuo business. Fa sempre piacere vedere volti reali, persone in carne e ossa che si occupano di un determinato lavoro: sfrutta le immagini anche per questo.

Fai una domanda

Le domande aumentano l’engagement, stimolano l’utente e lo coinvolgono nella tua attività. Certo, le domande si formulano con le parole. Ma puoi anche fondere le domande con un uso creativo delle immagini per creare un effetto nuovo, piacevole. E per cogliere l’attenzione. Ecco un esempio preso da Amyporterfield:

Fill-in-the-blank-Chick-fil-A

Ironia

Un altro consiglio fondamentale arriva da Jeff Bullas: usa l’ironia.

Usa immagini divertenti, non offensive e/o volgari ma capaci di strappare un sorriso all’utente. Guarda questo esempio della Intel:

Facebook-Intel
Ricorda che l’ironia è qualcosa di sottile, ma che può diventare pericolosa. Quello che fa ridere a te forse può essere meno divertente per i tuoi fan. Quindi il consiglio è semplice: pensa sempre con attenzione i tuoi aggiornamenti di status.

Ultimi consigli

L’ho anticipato e lo ripeto: prima di pubblicare controlla bene quello che stai per rendere pubblico. Le immagini sono immediate, forti, riescono a smuovere l’attenzione dell’utente. Ma possono dare anche essere protagoniste di piccole (o grandi) catastrofi.

algida

Ricordi il caso Algida? Pubblicarono una foto di un gelato dal colore “particolare” in occasione della festa della mamma, e dopo l’ironia della rete decisero di cambiare immagine. E la presero da Flickr senza citare la fonte.

Come vedi non è facile lavorare bene con le immagini suoi social. L’errore è dietro l’angolo, così come le minacce per il tuo brand.

Articoli correlati

Pinterest case history: 4 strategie vincenti

Come usare gli hashtag di Facebook al meglio

4 modi per aumentare e coinvolgere i fan su Facebook

Enrico Ferretti

Sono il titolare della Secret Key Web Marketing Agency, e mi occupo di consulenze e formazione in ambito Web Marketing, Seo, Keyword Advertising e Social Media Marketing.

More Posts - Website - Twitter - Facebook - LinkedIn - Google Plus