Come promuovere un’infografica

come promuovere un'infografica


Perché le persone amano leggere le infografiche? La risposta è semplice: spesso sono piene di informazioni interessanti, sono istruttive, veloci da leggere e divertenti.

Per questa ragione ogni giorno sono pubblicate online nuove infografiche, ma a causa dell’overload di informazioni del web è molto difficile ottenere visibilità e persino le infografiche più efficaci hanno bisogno di una grande promozione per raggiungere più utenti possibili, generare condivisioni e ottenere un gran numero di backlink di qualità.

Si perché se non lo sai, le infografiche servono a fare  brand awareness ma soprattutto ad acquisire link e condivisioni social che poi si rivalano utili lato SEO.

Fatta questa premessa, potremmo dire che il vero lavoro comincia quando l’infografica è stata completata! Per promuovere con successo la tua infografica e sapere come emergere dalla massa incoraggiando le condivisioni spontanee, puoi seguire questi consigli, ricordando che sviluppare un concetto forte è il primo passo per realizzare un’infografica originale e interessante.

Scegliere un argomento adatto

Non tutte le idee funzionano bene sulle infografiche, perciò è importante elaborare un concept valido, seguendo alcuni semplici criteri:

  • L’argomento scelto può essere tradotto visivamente?
  • È un concetto interpretabile attraverso dei dati?
  • Ci sono delle informazioni e dei fatti che possono essere usati per raccontare una storia?
  • Il tema scelto può essere rappresentato in una serie di immagini o su una singola pagina?

Dopo questa fase preliminare è utile considerare la tempestività e la concorrenza, dando un’occhiata a Google Trends o usando la Twitter Search per individuare i trending topic e le discussioni sui social media che potrebbero essere correlate all’argomento dell’infografica.

Poi è essenziale capire se si hanno a disposizione dei dati originali o l’accesso a informazioni pubbliche per creare una descrizione grafica accattivante. In questo modo è possibile determinare il profilo della tua infografica e procedere con i singoli elementi che la compongono.

Un titolo convincente attira gli utenti

Come riconoscere un buon titolo? Le caratteristiche principali sono 3: un titolo convincente attira l’attenzione delle persone, comunica il concetto chiave dell’infografica e infine include le parole chiave che avrai selezionato ai fini del posizionamento organico sui motori di ricerca.

Contenuti e storytelling coerenti per generare interesse

La maggior parte delle infografiche sono basate su un concept semplice, perciò il consiglio è di concentrare gli sforzi su un singolo argomento e sul modo in cui descriverlo. Individua i punti chiave, raccogli i dati necessari e crea delle sezioni in cui presentarli affinché siano facili da leggere e coerenti con il tema principale.

Il design deve veicolare il concept

Le possibilità grafiche sono tantissime, però l’approccio visivo che sceglierai deve essere in armonia con il tema dell’infografica: per esempio se il concept è localizzato geograficamente, una mappa potrebbe essere l’elemento centrale, se vuoi sottolineare l’importanza dei dati dovrebbero esserci dei grafici e delle chart, mentre se il tema è più astratto potresti usare le illustrazioni.

In ogni caso il format scelto deve essere al servizio dello storytelling e il tono adoperato deve essere in sintonia con il messaggio che vuoi veicolare e con lo stile del tuo brand.

Raccontare la complessità con immagini attrattive

Le infografiche sono utili perché spiegano concetti complessi attraverso rappresentazioni visive immediatamente comprensibili a tutti, per questo bisogna essere abili a scegliere lo schema di colori corretto e le immagini più adeguate non solo per evocare dei concetti, ma anche per guidare lo sguardo dell’utente all’interno dell’infografica, offrendogli un’esperienza utile e soddisfacente.

Non sempre una bellissima grafica si traduce in un’infografica efficace, gli utenti dovrebbero essere sempre in grado di seguire e comprendere facilmente le informazioni mostrate, senza essere distratti da altri elementi.

Scegli la pagina da associare alla tua infografica

La pagina su cui piazzerai l’infografica deve essere all’interno del sito per il quale vuoi ottenere dei backlink. Qui pubblicherai l’infografica vera e propria (per le dimensioni lo standard è intorno ai 1000 pixel) e possibilmente una versione preview per consentire un caricamento più veloce (ridimensionando a 540 o 600 pixel di larghezza), e prevedere un mini-thumbnail per le condivisioni su Facebook e naturalmente il codice embed per copiare e diffondere l’infografica su siti esterni.

Il codice embed dovrebbe essere in semplice html e includere una serie di dati essenziali: la versione preview, il link diretto all’infografica, gli attributi alt e title sull’immagine, il credits dell’autore ed il link al sito web. È sempre preferibile usare il formato jpeg per le infografiche, poiché di solito sono file di grosse dimensioni e comprimendoli si facilita il download e la condivisione.

Non dimenticare di usare un titolo del file jpeg appropriato e di inserire alt title pertinenti ed ottimizzati, che includano il termine “infografica” e una breve descrizione. Il post che include l’infografica dovrebbe avere le keyword correlate nell’url, nel nome del file, nel tag H1 e nel body copy (il testo descrittivo).

Riguardo la thumbnail, è un dettaglio da non sottovalutare perché quando si condivide un link su Facebook, in automatico viene caricata un’immagine che sarà visualizzata come anteprima del post.

Come incoraggiare le condivisioni?

Partiamo dalle basi: prima di tutto dovrebbero esserci i pulsanti social all’inizio o alla fine del post con l’infografica, in particolare Facebook, Twitter e Pinterest ed è fondamentale prevedere una call to action alla fine dell’infografica per invitare gli utenti a condividerla.

Il modo più efficace di usare i social media per la promozione di un’infografica consiste nel seguire alcuni accorgimenti, in base alle caratteristiche di ciascun social network. Nello specifico, usa gli hashtag giusti su Twitter (come #infographic, oppure un altro topic pertinente), uno shortened url che linka alla pagina in cui è presente l’infografica e calcola la lunghezza dei tweet affinché ci sia spazio sufficiente per i retweet.

Potresti anche schedulare dei tweet nel tempo, estrapolando un singolo dato dell’infografica e usandolo per promuoverla a distanza di qualche giorno dalla pubblicazione.

Come usare i social per incrementare le condivisioni?

Una delle strategie possibili per avere successo con un’infografica grazie ai social è correlata al tema scelto.

Se ad esempio nella tua infografica hai previsto una classifica o una comparazione fra brand e prodotti, è una buona idea contattare le aziende citate tramite i loro profili ufficiali sui sociali. Prima di tutto è possibile taggare le Pagine Facebook sul post che linka all’infografica, successivamente potresti postare il link direttamente sulle Pagine Facebook dei brand interessati, invitandoli a condividere il link.

Nel caso di Twitter puoi usare gli hashtag o menzionare l’account ufficiale di ogni brand con tweet distinti, naturalmente questa strategia ha un senso se l’infografica promuove anche se indirettamente un brand che di conseguenza avrà un vantaggio nel condividere a sua volta la tua infografica.

Questa tecnica delle menzioni sui social l’abbiamo utilizzata con ottimi risultati in occasione della ricerca condotta sul Travel Storytelling in Italia, in quella occasione infatti i blogger classificati ci hanno dato una grossa mano ad amplificare l’infografica.

Poiché molte infografiche riguardano tematiche professionali, è utile promuoverle anche su LinkedIn: esistono gruppi specifici dove creare discussioni e postare le infografiche, questo è molto utile per raggiungere un’audience più ristretta ma ricca di influencer che possono dare molta visibilità al tuo lavoro.

Diffondi la notizia con un comunicato stampa

Il comunicato stampa è una grande opportunità per raccontare la storia che sta dietro un’infografica, per dire cosa si è imparato dalla ricerca e per mostrarne i risultati sul proprio pubblico.

Per avere efficacia, tuttavia, la press release deve essere ottimizzata sotto vari punti di vista e distinguersi dal gigantesco numero di comunicati diffusi ogni giorno. Ecco qualche suggerimento utile:

– Scrivi un incipit persuasivo – La prima frase del comunicato è quella che convince gli utenti a saperne di più, quindi dovrai centrarla per essere certo che il comunicato verrà letto. Puoi testare degli incipit su persone diverse, oppure provare a scriverli su Facebook e osservare le reazioni dei tuoi contatti.

– Usa un approccio unico – Esci dagli schemi precostituiti e cerca di attirare gli utenti senza imitare lo stile di altre press release.

– Pensa alla tua audience – Devi conoscere bene il tuo pubblico e sapere di cosa ha bisogno: se l’infografica fornisce informazioni utili alla tua audience, la propensione a leggere e rispondere al tuo comunicato sarà maggiore.

– Crea un comunicato stampa pertinente – Le persone che trovano il comunicato tramite una ricerca online vorranno che tu mantenga ciò che prometti nel titolo, perciò accertati che il testo sia sempre pertinente al tema dell’infografica.

Con un comunicato ben fatto si possono ottenere risultati incredibili, noi ad esempio quando abbiamo pubblicato l’infografica Best Car Brands on Social Media siamo riusciti ad essere citati su moltissimi magazine, fra cui il famosissimo MediaBistro.com che ci ha portato grande visibilità.

Traduci la tua infografica

Se la tua infografica non è focalizzata solo sull’Italia e può interessare anche un pubblico straniero, potrebbe essere una buona idea tradurla in inglese.

Non è difficile da fare e può incrementare rapidamente la viralità dell’infografica. Il risultato ottenuto sarà più traffico, più condivisioni sui social e più engagement, oltre a una maggiore autorevolezza del tuo brand.

Pubblica l’infografica su siti specializzati

I siti che selezionano, categorizzano e che pubblicano infografiche costituiscono uno strumento essenziale per la diffusione, poiché ognuno di questi siti permette di avere più visibilità sul web e ottenere più backlink.

Dato che tali directories sono tantissime, ti abbiamo fatto un regalo, selezionando le migliori basandoci sulla nostra esperienza diretta e distinguendole fra free e a pagamento.

Directories gratuite

Visual.Ly http://visual.ly/

Daily Infographic http://dailyinfographic.com/

Infographic Directory http://infographic-directory.com/

Cool Infographics http://www.coolinfographics.com/

Infographic Journal http://infographicjournal.com/ (25 $ in caso di “express submission”)

NerdGraph http://www.nerdgraph.com/submit-infographic/

Visualizing http://www.visualising.org/

Infogragiche.com http://www.infografiche.com

Infographiclov http://www.infographiclov.com

Directories a pagamento

Infographic Love http://www.infographiclove.com (45 $)

Infographics Showcase http://www.infographicsshowcase.com/ (100 $)

Seguendo questi suggerimenti potrai promuovere la tua infografica innescando un meccanismo virtuoso di condivisioni e backlink spontanei.

Fai conoscere la tua attività e consolida il tuo brand con un’infografica utile per i tuoi utenti.

Articoli correlati

L’importanza del testimonial nel web marketing

Dove, come e perché ascoltare le conversazioni online

  • Utile “how-to” per chi ha sottomano un’infografica e vuole diffondere il verbo; noi lo stiamo mettendo in pratica proprio in questi giorni, vediamo come va! Piccolo aggiornamento: Daily infographic è divenuto a pagamento. Per chi ha infografiche in lingua italiana possono essere interessanti anche infographic.it, visiwa e infografie.com. Un saluto! PV

    • Grazie del commento e della segnalazione!