Scrivere per vendere: 8 trucchi per un copy vincente

web copywriting


La scrittura è fondamentale per vendere, ma non solo. Sul tuo sito devi curare il copywriting per raggiungere un obiettivo, per guidare il lettore di un testo verso un’azione: la compilazione di un form di contatto, l’iscrizione alla newsletter o magari un acquisto online.

Nel complesso mondo della comunicazione persuasiva c’è un principio che bisogna tatuarsi nella mente: le risorse che un lettore è disposto a concederti sono limitate. E che sia ben inteso: non si parla solo di risorse economiche.

Sei sicuro, ad esempio, che un utente che visita il tuo sito sia disposto a darti attenzione solo perché gli stai promettendo qualcosa? O che ti richieda un preventivo solo perchè hai scritto che la tua azienda è “leader di settore” o “la migliore in un determinato campo?“. Parliamoci chiaro di siti pieni zeppi di testi autoreferenziali gli utenti sono stufi!

Come ti dicevo, le risorse umane non sono infinite. E l’utente deve effettuare delle scelte in una condizione di continuo bombardamento comunicativo. Quindi, il copy del tuo sito deve integrarsi al meglio con gli altri elementi per raggiungere il risultato.

Vuoi sapere come?

Less is better

Stai scrivendo per vendere un prodotto o un servizio, giusto? Quindi non hai bisogno di ghirigori e decorazioni barocche per arricchire i testi. Vai al punto, non perdere tempo a descrivere mille funzioni: focalizzati su dettagli concreti. L’utente medio ti concederà pochi secondi, e tu dovrai far capire subito che quello è il posto adatto alle sue esigenze.

Usp

Unique selling proposition. Vale a dire quel beneficio che l’utente può avere scegliendo quel prodotto/servizio. E solo quello, non altri.

L’USP racchiude qualcosa di unico, un elemento che nessun altro può offrire, un beneficio che in linea teorica dovrebbe smuovere le masse. Prima di iniziare a scrivere lavora su questo punto, individua la tua USP.

Bisogni

Sai qual è una delle grandi abilità di un copy? La soddisfazione del bisogno attraverso le parole. O meglio, la sua definizione. Il copy traccia una linea tonda con un compasso e individua quel calderone di consonanti, vocali, parole, periodi e paragrafi che lo aiuteranno a risvegliare il bisogno nel lettore.

Liste

Quanti sono i motivi per scegliere un determinato prodotto? Se chiedi al proprietario dell’azienda che lo produce te ne indicherà mille, ma difficilmente un cliente ne assorbirà più di cinque. O forse tre (mai sentito parlare della regola del tre?).

Il motivo: l’utente cerca informazioni sintetiche, organizzare e affidabili. Per questo sono importanti le liste puntate: ti aiutano a definire i confini, ti dimostrano che in fin dei conti dovrai leggere solo un numero limitato di punti. E questo ha senso per il lettore.

Call to action

Uno dei cardini del copy. La call to action spinge l’utente a un’azione concreta, diretta: l’utente è arrivato sulla tua landing page, ora devi spingerlo a fare ciò che vuoi. Per questo usa una frase breve, concisa e imperativa che inviti il lettore a compiere un’azione.

Acquista ora. Scarica l’ebook gratuito. Chiedi un preventivo. Esistono mille call to action, ma uno dei modi per migliorarne l’efficacia è fare dei test a/b.

Grazie a questa tecnica è possibile mettere a confronto due langing page e  individuare quella con la resa migliore, basandosi sulle conversioni generate.

Numeri

Esatto, anche i numeri sono fondamentali nel copy. Oltre a delineare le liste, i numeri possono essere usati per rassicurare il lettore e guidarlo verso lidi a te vantaggiosi. In che modo?

Ad esempio con le statistiche, perfette per dare un tocco di sano realismo al tuo copy, oppure con i numeri degli utenti che hanno fatto la scelta che stai cercando di proporre ai tuoi lettori. Questo è il principio della riprova sociale: mostro le scelte prese dagli altri per orientare le tue.

Headline

Impossibile parlare di copy senza citare il potere della headline, ovvero il titolo della pagina: la prima stringa di testo che il lettore si troverà di fronte.

Qual è il compito della headline? Informare, incuriosire, convincere il cliente a continuare il suo percorso, convincerlo che “ehi, questo è il posto giusto per te”. Nella headline si racchiude l’arte di un bravo copywriter.

Copy e motori di ricerca

Il copy oltre a dover far breccia nel lettore, deve essere concepito anche per ottenere risultati degni di nota lato SEO. Infatti se vuoi posizionarti bene nei risultati organici di Google è necessario che i testi presenti nelle varie pagine web del tuo sito siano SEO friendly e supportati da una struttura on page corretta. Questo non vuol dire riempire in maniera ossessiva per decine di volte il copy con le stesse parole chiave, errore comune che fra l’altro pregiudica la lettura di un testo.

Ok ora che hai capito l’importanza che ricoprono i testi in un sito web, ti domando, tu come hai sviluppato il tuo copy? Hai affidato il lavoro a dei professionisti? Riscontri l’applicazione di queste tecniche nel lavoro svolto?

Articoli correlati:

Creatività, usabilità e stile, i requisiti per un sito vincente!