Arriva il motore di ricerca Open Graph di Facebook: cosa cambia?

Facebook Open Graph


C’è sempre stata una lieve (ma costante) tensione tra Google e Facebook, i colossi che si contendono i grandi numeri del web.

Google resta il motore di ricerca per eccellenza che ti aiuta a risolvere i problemi e a sciogliere i dubbi.

Facebook, invece, è il cuore social di internet: qui le persone entrano in contatto, si scambiano informazioni, stringono amicizie. E non solo.

Nessuno dei due è riuscito a fondere le due facce del web. Mountain View ci sta provando con Google Plus e, anche se i dati sono incoraggianti (vedi immagine di seguito), sembra ancora distante dal coinvolgimento che riesce a ottenere Facebook.

il 52% delle attività sociali avviene attraverso Facebook, con Google che però si attesta al 24% (statistica in aumento).

il 52% delle attività sociali avviene attraverso Facebook, con Google che però si attesta al 24% (statistica in aumento).

Allo stesso tempo Facebook deve trovare un sostituto valido al motore di ricerca. O forse deve completamente reinventare il concetto di ricerca: per questo ha introdotto già da tempo l’idea di Open Graph Search, un motore interno al social che permette di cercare tra le connessioni di Facebook.

Lentamente i tecnici di Facebook stanno attivando l’Open Graph Search. Non è disponibile per tutti, ma c’è già chi ha avuto modo di provare questo nuovo strumento. Per questo Social Media Examiner hanno già dei consigli per ottimizzare la tua Facebook Fan Page quando l’Open Graph Search arriverà anche dalle tue parti.

Facebook Fan Page a prova di Open Graph Search

In primo luogo devi curare i dettagli. Esatto, i dettagli. In particolar modo assicurati di avere inserito la tua pagina nella giusta categoria e sotto-categoria.

Nel caso dei ristoranti, ricordati di segnare anche il tipo di cucina che viene servita.

facebook scelta categorie

Questi accorgimenti sono utili perché l’Open Graph Search fornisce (o almeno vuole fornire) risultati precisi, contestualizzati e definiti. Quindi più sarà targettizzata la tua pagina e maggiori saranno le probabilità di intercettare un pubblico interessato al tuo prodotto/servizio.

Inoltre, è importante compilare la tua sezione informazioni con le keyword necessarie per descrivere il tuo business. Ricorda che le pagine Facebook vengono indicizzate in Google e che questo accorgimento può dare un buon contributo nella serp. Allo stesso tempo ricorda di non fare keyword stuffing e di scrivere per le persone. Non per i motori di ricerca.

Se hai una Place Page devi incoraggiare il check-in. Uno dei vantaggi del Graph Search è che le persone possono trovare facilmente informazioni sui luoghi frequentati dalle altre persone, e questo ti permette di sfruttare la forza della riprova sociale.

Anche nell’Open Graph Search gli elementi multimediali sono importanti. Foto e video sono elementi da curare con grande attenzione, e da completare con descrizioni e tag alla tua Facebook Fan Page. VML parla esplicitamente di foto caricate negli album della Fan Page e foto degli utenti (quindi maggiore attenzione ai contenuti generati dai fan):

Con la Graphic search, le foto negli album dei brand (non gli aggiornamenti di stato) e le foto degli utenti in cui i brand sono taggati potrebbero apparire nei risultati di ricerca. Perciò, i brand dovranno focalizzare nuove energie sugli album e i contenuti generati dagli utenti.

Allo stesso tempo si conferma l’importanza di una localizzazione accurata per tutte le pagine con una posizione fisica (bar, ristoranti, hotel…) in modo da ottimizzare le operazioni di ricerca.

Se sei uno dei fortunati a cui hanno attivato l’Open Graph Search, condividi le tue opinioni lasciando un commento.

Articoli correlati

Facebook Ads per e-commerce: come aumentare visibilità e vendite

Pinterest case history: 4 strategie vincenti